Blog - I SENTIERI DEL VENTO

Esci
Vai ai contenuti

Il bollettino di APRILE di Regina Martino

I SENTIERI DEL VENTO
Pubblicato da Regina Martino in Bollettino Litoterapia Bioenergetica · 7 Aprile 2021
Bollettino Litoterapia Bioenergetica Aprile 2021

Aprile è lì con un retrogusto di déjà vu, ma questo ritorno al punto di partenza è solo apparente. Abbiamo completato il ciclo/cerchio di un anno e durante questo lasso di tempo circolare abbiamo avuto l'opportunità di fare esperienze uniche.

Noi, come società, siamo ancora invischiati in una situazione collettiva sotto i vincoli della "pandemia".
Ho menzionato la sensazione generalizzata di "averne abbastanza" il mese scorso e il mio consiglio sulla litoterapia vi ha invitato a capire come dissipare i sentimenti di rabbia e frustrazione con la calcite verde. Per questo mese di aprile vorrei tornare sulla necessità del lasciare la presa, che non ci ha mai veramente abbandonati, ma che ora diventa assolutamente essenziale e, oso anche aggiungere, che sta diventando non negoziabile per la nostra salute generale. .

Per essere più precisi,vii consiglio di lavorare con la giada bianca per riequilibrare il chakra indaco, il chakra che si trova al centro della nostra testa. Sono ormai diversi anni che mi preoccupano due grandi squilibri che continuano a dilagare, e chi mi segue da tempo ricorderà sicuramente che ne parlo e li descrivo spesso. Si tratta da un lato dello squilibrio tra la parte frontale e la parte posteriore del 6 ° chakra, e dall'altro un disturbo tra la parte frontale di questo 6 ° chakra ancora in eccesso e il chakra della gola (5 ° chakra). L'energia del 5 ° chakra viene ridotta per alimentare e aumentare ulteriormente l'energia del 6 ° chakra (frontale).

Qual è la causa di queste sproporzioni energetiche? L'instaurarsi di questi squilibri nel lungo periodo è collegato al  nostro stile di vita, al nostro modo di guardare il mondo, alla nostra gestione del tempo e alla nostra attività mentale. Non ci prendiamo più il tempo per ascoltare i nostri bisogni primari, non troviamo più lo spazio perché la vita possa manifestarsi spontaneamente e naturalmente, la nostra vita quotidiana è diventata pericolosamente angusta, il nostro essere si disconnette dalle nostre sensazioni (mentre paradossalmente siamo sempre più connessi al virtuale). Abbiamo permesso alle nostre vite di essere insidiosamente colonizzate dalla velocità e dalla saturazione, dove ogni angolo del tempo e dello spazio è arredato con qualcosa. Le nostre esistenze erano già cambiate molto prima della o del Covid, sono diventate gli ingranaggi spietati di una meccanica disincarnata, rassicurata dalla sensazione di poter controllare tutto, così che possiamo continuare a illuderci che sarà meglio dopo, che ci sarà "un mondo dopo". Tuttavia, prima del 2020 avevamo raggiunto una negazione della nostra natura essenziale, al punto in cui l'illusione mentale di controllare la realtà diveniva una possibilità fattibile. Da un anno ci troviamo finalmente di fronte all'assurdità di schierare una società guidata dall'illusione mentale! Potremmo mollare la presa e abbandonare i miraggi per dirci, finalmente, che non possiamo controllare tutta la realtà, rilassarci e cominciare a essere presenti a noi stessi e camminare con la nostra coscienza ... Sì ma non è così semplice, anni di corsa dietro gli artifici della mente non vengono cancellati con 2 o 3 lockdown,mascherine e paura!

Spero che questo momento molto difficile, individualmente e collettivamente, ci porti a un punto di rottura. Non nel senso negativo e distruttivo di un BURN-OUT che il nostro 6 ° chakra in eccesso già impone a decine di migliaia di persone. Ma una rottura con questo bisogno di controllo mentale ... così tossico per tutto il nostro essere, fisico, energetico, psichico.

La speranza di libertà che attendiamo con impazienza e che mettiamo in evidenza nelle nostre agende di fine lockdown è ancora un'illusione mentale, ancora un'ennesima proiezione nel futuro che ci tiene sospesi, dipendenti, gestibili. La naturale libertà dello spirito è sempre presente nel profondo di noi e attende con infinita pazienza che le facciamo spazio ... aprendogli l'immensità del tempo presente.

Come approfittare allora del logorio di questo anno passato per uscire dall'ipervigilanza che si è affermata come uno standard sia collettivo che individuale in molte persone? Come trovare un sonno ristoratore dove lo spazio del sogno diventa di nuovo un percorso di coscienza e non più solo riparazione di emergenza? Sono profondamente toccata dall'angoscia che vedo tra i nostri clienti che vengono a cercare risposte energiche. L'incidenza dei disturbi del sonno è aumentata di almeno il 50% (quando era già alta alla base) e lo stress e le tensioni fisiche che derivano dall'avere difficoltà a lasciare la presa sono infiniti.

Per questo volevo parlarvi della giada bianca, una pietra che non è una panacea universale, ma la cui azione di lasciare la presa è adatta a tutti. Agisce sulle tensioni generate dall'eccesso del chakra indaco frontale, quello che si avverte tra le 2 sopracciglia. La particolarità di questa pietra è che ha un'azione calmante sull'eccesso di energia, sul gorgoglio energetico che troppo spesso agita la mente, mentre nella pratica abituale della litoterapia bioenergetica si agirà piuttosto sui blocchi e sulle carenze per ripristinare l'equilibrio del corpo energetico.
Questa pietra è una felice eccezione perché abbiamo un grande bisogno delle sue proprietà, e non solo in questo momento travagliato.

La giada bianca permette di rallentare la sovrabbondanza del controllo mentale, di calmare la perpetua sfilata di pensieri invasivi. Quando lasciamo andare questa dittatura del discorso continuo dell'attività mentale, il risultato non è una perdita di controllo ma un sollievo, perché altre modalità operative come la morbidezza del sentimento, la fluidità emotiva, l'emergere della gioia possono finalmente far parte della nostra vita quotidiana. Se vi riconoscete nelle descrizioni di questi stati energetici, potete  indossare una giada bianca,  come una pietra burattata, un ciondolo o un braccialetto tutto il giorno. Dormire con un sassolino di giada bianca sotto il cuscino o sul comodino può anche sostenere o partecipare a un sonno tranquillo, e tanto più per le persone che hanno problemi ad addormentarsi o che si svegliano nel cuore della notte con ogni tipo di preoccupazione e una giostra di pensieri in loop per ore.
Meditare con la giada bianca può rendere più facile trovare uno stato di calma. La meditazione in generale è una meravigliosa esperienza di questa presenza per se stessi e per il momento presente. Ma quando inizi la meditazione, la paura di lasciare la presa spesso può amplificare il numero e la velocità dei pensieri. È quindi essenziale darsi il tempo per prendere tempo, questo è l'insegnamento della giada bianca. Cosa succede nel mio corpo quando lascio andare la mente? Osserva senza giudicare cosa succede quando tieni in mano una giada bianca: il respiro si autoregola, le tensioni fisiche si allentano, le spalle, la mascella si rilassano, arriva il silenzio e non solo non fa paura ma calma. Possiamo sentire che questo lasciar andare non ci sta mettendo in pericolo, e questo è il messaggio che ricorderà la nostra energia.

Diamo al nostro corpo energetico nuove informazioni e talvolta anche una rivelazione: "Sto meglio quando lascio andare" ... Questo riconoscimento sarà ovvio e rapido per alcune persone, mentre per altri ci vorrà più tempo e pazienza per essere integrato. Ma prima o poi, se la costanza accompagna la voglia di stare meglio, questa nuova informazione può diventare la nostra nuova postura.

Vi auguro di approfittare di questo bellissimo mese di aprile primaverile per ritrovare questo stato di calma interiore che solo saprà guidarvi verso uno sviluppo degno di tutto il vostro essere, e che ti porta a ritrovare lo spazio e il tempo per onorare l'essere vivi.

Parigi, 4 aprile 2021, Regina Martino





Torna ai contenuti