LIBERAZIONE di ANDREA PIETRANGELI

Venerdì, 30. Giugno 2017, 18:30

Pietrangeli base.png

- -

Contatto : 02-72023205 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LIBERAZIONE – Romanzo animico

Presentazione del libro con l’autore Andrea Pietrangeli

“Un libro divertente e pieno di aneddoti… una miriade di trasformazioni.

La seconda parte mi ha maggiormente coinvolto. Le immagini di un cammino verso una meta degna di attenzione.”

Franco Battiato

Pietrangeli libroUna straordinaria avventura per ricontattare la coscienza di gruppo e guarire antiche ferite mai curate – narrata attraverso gli occhi degli animali, il loro vissuto e la loro allegra energia – che proietta il lettore dentro una favola delicata e sorprendente, in grado di ricordare il messaggio della vita: essere se stessi nel bene e nel male.Cosa vedremmo se osservassimo il nostro mondo con gli occhi degli animali che ci circondano? È questo l’approccio di A. Pietrangeli in un romanzo in grado di proiettare il lettore dentro una favola magica.

Il protagonista è un cane, Constantine, ma il suo corpo nasconde l’anima del Re del Mondo, l’antico imperatore che da sempre detta le leggi terrene.Questa volta il Sovrano è pronto a qualunque avventura pur di liberarsi da ataviche catene e liberare così anche tutto il suo mondo. Cosa meglio di una vita vissuta da animale per ricontattare una coscienza di gruppo e guarire antiche ferite mai curate?

Con il suo stile spigliato e coinvolgente, in grado di creare atmosfere fiabesche entro cui passare contenuti profondi, con questo libro l’autore conclude la trilogia narrativa dedicata al viaggio di esplorazione interiore, attraverso un racconto simbolico, intuitivo e immediato che, rendendo omaggio agli animali, li rende portavoce di un messaggio semplice e naturale, il messaggio della vita: essere se stessi nel bene e nel male.

Ingresso libero

ANDREA PIETRANGELI

Ricercatore, studioso, musicista, compositore, grafico creativo e scrittore, oggi sperimenta la vita allontanandosi dagli schemi conosciuti attraverso continui viaggi, scritture, video, fotografie, yoga, incontri e musica. Si occupa prevalentemente di se stesso, sta imparando a comportarsi da turista del mondo e condivide quello che scopre con chi gli capita a tiro. Nel 2012 ha pubblicato con Anima Edizioni il libro di saggistica Manuale di Risveglio. Nel 2014 e nel 2016 pubblica con Edizioni Spazio Interiore i suoi primi due romanzi: "Rievoluzione" e "IncarnAzione". Roma è la sua città natale.


EVENTI SVOLTI IN PRECEDENZA

InCarnAzione - Romanzo Cosmico

Presentazione del libro/incontro con l'autore Andrea Pietrangeli

InCarnAzione è il secondo romanzo di A. Pietrangeli (il primo, Rievoluzione, è stato in vetta alle classifiche de Il Giardino dei Libri per diverse settimane). Il libro parla del lungo viaggio della vita di ogni uomo attraverso la storia di Sebastian, un'anima che sceglie di incarnarsi sulla terra per sciogliere un vecchio nodo e si trova ad affrontare tutti i limiti della materia densa di questa dimensione, i condizionamenti dell'ego ma anche l'amore e la bellezza umana.

La particolarità di questo evento è che l'autore ha deciso di intraprendere un cammino a piedi da Roma a Milano lungo la Via Francigena, i lettori potranno unirsi a lui durante il percorso ed il 10 Maggio arriverà a Milano. Durante l'incontro sarà possibile farsi dedicare e firmare il suo libro.

«La prima cosa che dimenticherai su terra sarà chi sei e da dove vieni.
Il corpo che ti verrà affidato sarà perfetto per ciò che dovrai vivere.
Ogni esperienza, ogni persona, ogni cosa che incontrerai sul tuo
cammino… sarà stata una tua scelta».

Ingresso libero

ANDREA PIETRANGELIPietrangeli copertina

INCARNAZIONE
Romanzo Cosmico
Edizioni Spazio Interiore
marzo 2016
Collana: Nonordinari
Formato: 140 x 215
Confezione: Brossura
Pagine: 184
Prezzo: € 14.00
isbn: 88-97864-84-4

Andrea Pietrangeli
Ricercatore, studioso, musicista, compositore e grafico creativo, oggi sperimenta la vita allontanandosi dagli schemi conosciuti attraverso continui viaggi, scritture, video, fotografie, yoga, incontri e musica.
Si occupa prevalentemente di se stesso, sta imparando a comportarsi da turista del mondo e condivide quello che scopre con chi gli capita a tiro. Nel 2012 ha pubblicato con Anima Edizioni il libro di saggistica Manuale di Risveglio. Il 2014 vede la pubblicazione del suo primo romanzo "Rievoluzione" con Edizioni Spazio Interiore. Roma è la sua città natale.

Recensione: InCarnAzione (Ed. Spazio Interiore Roma – 2016)

Dopo dieci anni di meditazione, purificazione, viaggio nell'inconscio, auto e psicoanalisi, Andrea Pietrangeli con InCarnAzione, il suo terzo libro, affronta un nuovo viaggio, il più difficile. Quello verso l'ignoto, ciò che è “inconoscibile” per ogni uomo, se non attraverso l'atto di fede, che delega al Dio Creatore la soluzione per la nostra vita ultraterrena. Cosa farne della crescita interiore, del nostro cammino verso il perfezionamento, se tutto è destinato a finire con la morte?
Un interrogativo antico come il mondo, che ci divide in credenti e non credenti. Falsa contrapposizione che non risolve il dilemma che è insito in ogni tempo, in ogni cultura, in ogni popolo. Ma che per questo scrittore, non catalogabile in una casella narrativa, è soltanto la chiusura del cerchio sulla “conoscenza”, che al momento completa anche la sua trilogia sulla ricerca della “felicità”, che attraversa la sua opera e l'impegno che investe nella condivisione di “nuovi concetti al di fuori dei dogmi”.
Non deve stupire se l' “Alleggeritore”, come lo chiamano amici e partecipanti alle sue condivisioni, lo fa con mano delicata, quasi sorridendo, attraverso una sorta di favola narrata al “terrestre”: l'eterno bambino dello spazio abituato ad aspettare dall'esterno la soluzione dei suoi problemi che rifiuta di trovare dentro di sé, come un neonato che piange in attesa della mammella materna.

«Tutto ciò che vedi è pura illusione», è il leitmotiv di una storia che non a caso parte da Sirio, la stella più lucente dell'infinito, casa madre di molti romanzi di fantascienza e popolari, astro guida di navi militari in zone di guerra. Sirio, con i suoi satelliti, è da sempre indicata come il sistema solare più simile al nostro e dunque viene popolato da Alieni, destinati a dominare i “fratelli” uomini perché molto più evoluti di loro. Una stella oggetto di studio fin dai tempi dell'antico Egitto, ma anche un astro amato dalla letteratura italiana: da Giovanni Pascoli (“La mietitura”, ciclo Poemetti) ad Attilio Bertolucci che gli ha dedicato la sua opera d'esordio ("Sirio", 1929). Per non dimenticare uno dei riferimenti attuali più noti perché la stella lucente è presente anche nella Saga di Harry Potter.
Ma in questo romanzo fantastico non troveremo alcun riferimento o dotta citazione, solamente la semplice storia che ha per protagonista un ragazzo di nome Sebastian, la cui anima parte da Sirio per incarnarsi nascendo nel corpo di una donna, diventare uomo e perfezionare così il suo bagaglio di esperienze. L'autore certamente non ignora la lunga storia di Sirio, ma non ritiene di dover citare fonti, perché è convinto che le idee non abbiano paternità, arrivano a noi in molti modi e per strade diverse, e il libro in definitiva appartiene “non a chi lo scrive ma a chi lo legge”. L'anima è eterna, il corpo soltanto uno strumento di “evoluzione” è la visione sperimentata e offerta da Pietrangeli che rielabora in modo originale convinzioni tratte dal buddismo e da altre religioni e filosofie orientali.
Nel seguire Sebastian dal momento della nascita, e prima ancora dal mandato che riceve dagli Alieni “siriani”, fino alla dimenticanza che lo rende uomo, veniamo rassicurati che i nostri sforzi non saranno vani e non soltanto perché troveranno conforto nelle molte vite future che ci attendono, ma hic et nunc nella profondità della nostra vita interiore che quanto più si realizza tanto più è in grado di offrirci equilibrio e felicità. Una delle ossessioni dell'uomo è certamente il trascorrere del tempo, ormai considerato un impoverimento delle nostre potenzialità e non un arricchimento raggiunto grazie all'esperienza della vita già vissuta. Da un estratto del libro una citazione di Khalil Gibran: «Voi vorreste misurare il tempo, l'incommensurabile e l'immenso... dirigere il corso del vostro spirito secondo le ore e le stagioni. Del tempo vorreste fare un fiume per sostare presso la sua riva e vederlo fluire. Ma l'eterno che è in voi sa che la vita è senza tempo, sa che l'oggi non è che il ricordo di ieri e il domani il sogno di oggi. E ciò che in voi è canto e contemplazione, dimora quieto entro i confini di quel primo attimo in cui le stelle furono disseminate nello spazio. Chi di voi non sente che la sua forza d'amore è sconfinata? E chi non sente che questo autentico amore è racchiuso nel centro del proprio essere... Ma se col pensiero volete misurare il tempo in stagioni, fate che ogni stagione racchiuda tutte le altre, che il presente abbracci il passato con il ricordo e il futuro con l'attesa».

Pillole di saggezza che nascono da una visione alchemica della realtà, aperta anche a chi vanta un'incrollabile razionalità hegeliana, ma conserva la curiosità di capire cosa si muove dietro movimenti sempre più vasti di persone i cui comportamenti sembrano ispirati da culture diverse dalla nostra e da religioni che aiutano a vivere un difficile presente. Si può negare una sorta di deriva verso lo spiritismo e il paranormale in un autore che al contrario appare ancorato a interessi culturali ed artistici ed è esente da ogni sospetto di ciarlataneria a fini economici.

Il suo messaggio è una favola ostinatamente a lieto fine, che offre una miriade di spunti di riflessione sull'amore, la vita oltre la morte, il rapporto madre-figlio, attraverso una scrittura facile e immediata dove il gioco è alla base di ogni scambio tra uomini. La vita stessa è un grande gioco, sostiene Pietrangeli, ma è gioco anche la lettura di un libro che ci arricchisce pagina dopo pagina e ci porta a interrogarci sul nostro destino in modo diverso dal solito.

L'anno del Cammino, l'ultima sfida

Il 2016 è l’anno del Cammino, lo ha proclamato il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e Andrea Pietrangeli, che ha già al suo attivo tanti viaggi solitari, non intende mancare all'appuntamento. Anzi sarà questa un'occasione per diffondere il suo ultimo libro InCarnAzione durante le tappe di un percorso che attraverserà l'Italia da sud a nord. L'itinerario non è stato ancora tracciato, ma in Italia ci sono più di 6500 chilometri di cammini naturalistici, religiosi, culturali e spirituali. Non c'è che la difficoltà della scelta e Andrea percorrerà una delle vie più antiche, la Via Francigena. “Presentare il mio libro in concomitanza di un viaggio a piedi è per me liberatorio: intraprendere un cammino pian piano fa percepire il viaggio dell’anima, che è eterno, rispetto a quello del corpo che è a tempo. Il viaggio del corpo è possesso, attaccamento, paure, quello dell’anima è fiducia, comprensione, felicità. Camminare liberi vuol dire aver riconosciuto le radici della paura”. Il cammino è anche una sfida verso l'ignoto, comporta rischi ma per Andrea “essere coraggiosi significa avere paura, ma fare lo stesso ciò di cui si ha paura”. Lui ne sa qualcosa.
Nei suoi libri Pietrangeli ha descritto i grandi viaggi di cui è stato protagonista nel deserto del Sinai e in India, dove per un virus che lo ha colpito in una località vicina a New Delhi (Vrindavan), ha vissuto esperienze estreme a un passo dalla morte. Ma non sono stati gli unici viaggi e neppure i più pericolosi. In RiEvoluzione racconta una delle sue prime passeggiate, quando, per riscoprire il contatto con la natura, era tornato a fare trekking nei boschi: “Le mie uscite fuori porta si moltiplicarono in breve tempo, le camminate diventavano sempre più intense, acquisivo sempre più sicurezza anche su percorsi sconosciuti...”.
Una volta si è trovato davvero in difficoltà: durante una passeggiata in Abruzzo, la cui meta finale era il Lago della Duchessa, arrivò in cima alla montagna all'ora del tramonto. Troppo tardi per tornare indietro, la strada era impercorribile a causa di alcuni salti nel vuoto, e la discesa altrettanto rischiosa perché ben presto il sentiero si inoltrava nel bosco in una zona infestata da lupi. “Fu quasi un'esperienza iniziatica, il bosco è il simbolo delle nostre paure, il salto nel buio questa volta sarebbe avvenuto davvero”, scrive. Ma i simboli erano lontani mentre la paura si toccava con mano. Tutto sembrava perduto quando sentì alle spalle un rassicurante suono di campanacci e belati. La salvezza fu un pastore che lo invitò a seguirlo e lo riparò in una baracca di legno poco distante. Nel cuore della notte il riparo improvvisato fu realmente assalito da un branco di lupi, che per fortuna non riuscì a scardinare la porta.
“Fin dai tempi antichi il lupo rappresenta, il buio della caverna e le sue fauci fameliche il bosco notturno e misterioso.... la sua gola oscura è l'antro dell'Inferno”, riflette Pietrangeli. Ma non tutti i viaggi comportano avventure del genere e Andrea sa godere anche i piaceri di una vita meno aspra e, se per sopravvivere bisogna lavorare, tanto vale farlo nelle condizioni migliori. Di recente è partito per le Maldive. Un’esperienza totalmente dedicata al canto e alla musica, al mare e al sole. Ora sta preparando la nuova sfida, recarsi a piedi da Roma a Milano per presentare InCarnAzione, il suo ultimo libro.
Le tappe, dopo le presentazioni di Napoli e Roma, saranno Firenze e Milano, oltre a tappe intermedie nelle varie città che si incontrano sulla Via Francigena. Lungo la strada terrà un blog quotidiano dei suoi spostamenti con pubblicazioni di video e notizie, dando la possibilità ai lettori di incontrarlo e di accompagnarlo nel suo percorso. “Lo scopo di questo cammino non ha messaggi di nessuna natura, il senso del cammino è già nel genuino camminare aprendosi e affidandosi alla vita e al momento presente con il coraggio di lasciarsi tutto alle spalle e… semplicemente andare”, spiega Pietrangeli che riassume l'atto con una frase di H. D. Thoreau: “Se sei un uomo libero, allora sei pronto a metterti in cammino”. Corri, ragazzo corri, come Forrest Gump. Senza una meta.

Luogo 

I Sentieri del Vento
via Santa Marta 19
Milano
Lombardia
20123
Italia
02 7202 3205
http://www.isentieridelvento.com


Sala esposizioni e conferenze

Salone per lavori di gruppo

Salette per trattamenti individuali

 

   
 

Altre informazioni: Ingresso libero

  Visite : 765